Ud está aquí:
  1. Home
  2. Attività
  3. Documenti per la Storia d'Europa
  4. Riconoscimento del dominio feudale (913)

Riconoscimento del dominio feudale (913)

ACA, CANCILLERÍA, Pergaminos, Mirón, 3 Pulse para ampliar

Sono trascorsi quarant'anni dalla pubblicazione, nel giugno del 1978, del libro di Abilio Barbero de Aguilera e Marcelo Vigil, La formación del feudalismo en la Península Ibérica, (Barcellona, 1979), che, come continuazione e culmine delle loro opere precedenti, ha segnato una svolta negli studi storiografici sulle basi sociali del Medioevo ispanico. Uno dei documenti che questi due storici utilizzarono per dimostrare la loro tesi fu un riconoscimento o dichiarazione che nel 913 quasi cinquecento abitanti della valle di Sant Joan fecero alla badessa Emma in base alla quale le case, gli orti e i terreni da loro coltivati erano di proprietà di detta badessa e del suo monastero.

Il ripopolamento del territorio e le origini del feudalesimo

Goffredo I, Conte di Barcellona ( 840-897), una volta conquistata la valle del Ter, la ripopolò fondando il monastero di Sant Joan de les Abadesses, la cui chiesa fu consacrata nell'887. Lo rese magnifico[c1] in modo tale che potesse governarlo sua figlia Emma, che fu la sua prima badessa. Divenne ben presto uno dei grandi centri della vita monastica in Catalogna durante l’epoca dei conti. Le loro terre e le loro proprietà crebbero molto rapidamente, anche attraverso varie judicis, cinque dei quali conosciamo durante la vita di Emma. I judicis sono atti di riconoscimento delle proprietà o di alcuni diritti concessi da coloro che occupano tali proprietà o godono di tali diritti. Uno di essi ebbe luogo già nel 904 e altri tre nel 913, compreso quello qui presentato. Per l'importanza dei personaggi coinvolti, per il gran numero di persone che parteciparono, per la geografia coinvolta e la natura giuridica dell'atto, questo judici del 913 è conosciuto e citato dalla storiografia da oltre un secolo.

Il riconoscimento dell'anno 913

L’atto fu presieduto dai conti Miró (di Cerdaña e Besalú) e Sunyer (di Barcellona), insieme ai visconti Ermemir (di Barcellona) e Unifred (di Girona), così come da altri giudici clericali e laici. In presenza di tutti loro, Hictor, rappresentante della Badessa Emma e del monastero di Sant Joan, interpella gli abitanti dei villaggi e dei luoghi (villae) della valle dell'Alto Ter. Distribuiti secondo le villae in cui vivevano, questi abitanti dichiararono di possedere le suddette villae (con le loro case, orti, vigneti, terreni coltivati e incolti, mulini e alberi) in nome della badessa Emma e delle religiose del suo monastero; e dichiararono anche di occupare le villae per loro, con il dovere di servire loro e i loro successori. Il tutto perché, secondo il documento, quando il conte Goffredo si impossessò della valle del Ter e costruì il monastero, essi si stabilirono nella valle grazie alla badessa, costruendo le loro case, piantando orti e vigneti e trasformando i terreni incolti in terreni coltivati. Il documento contiene quattrocentottantasei firme degli abitanti della valle. Secondo Joan Ferrer i Godoy, non esiste un altro documento altomedievale che contenga una percentuale di nomi così ampia, il che ci ha permesso di avanzare alcune ipotesi sui flussi di ripopolamento avviati dal conte Goffredo alla fine del IX secolo (la maggioranza sono nomi di origine gotica in contrapposizione a quelli di origine germanica o franca). In considerazione del numero di questi nomi, a cui Antoni Badia i Margarit ha dedicato alcuni studi meticolosi, questo documento è particolarmente importante per lo studio dell'onomastica e della toponomastica catalana. Ma costituisce anche una testimonianza fondamentale nel processo di consolidamento delle trasformazioni e dei cambiamenti socio-politici iniziati con l'organizzazione territoriale promossa dal conte Goffredo il Villoso, comune a tutta l'Europa latina nell’Alto Medioevo.

Le trasformazioni sociali

Abilio Barbero e Marcelo Vigil lo utilizzarono magistralmente per illustrare il processo di formazione del feudalesimo nella regione settentrionale della Penisola Iberica, a partire dalla disgregazione delle comunità primitive dei villaggi, come organizzazioni gentilizie più o meno evolute, in cui le donne avevano un ruolo di primo piano, come dimostra l'importanza della sopravvivenza matrilineare. È il caso degli hispani, come li definiscono i capitolari dell'epoca di Carlo Magno, Ludovico Pio e Carlo il Calvo, nei secoli VIII e IX. La forma primitiva usata da queste comunità contadine era l'aprisio, ovvero l'occupazione del terreno senza proprietario per sfruttarlo. Tuttavia, questo possesso collettivo di terre da parte di un gruppo di contadini uniti da legami di sangue e guidati da capi o maiores della loro stessa stirpe era destinato all'estinzione. In alcuni casi, l’aprisio collettivo (occupazione, appropriazione e coltivazione di terre vergini) si trasformò in una grande proprietà individuale appartenente ad un solo membro della stirpe originaria, discendente dei maiores e che aveva legami di dipendenza personale e di fedeltà ai re franchi, sovrani nominali del territorio, mentre il resto della comunità fu ridotto al grado di contadini dipendenti. La grande proprietà era protetta dalla legge gotica o dall'applicazione del Liber Iudiciorum, in contrasto con il diritto consuetudinario locale con cui erano governati gli hispani o pagenses (contadini). I maiores degli hispani, divenuti gli unici proprietari del vecchio aprisio, invocarono la prescrizione trentennale per i beni immobili contenuta nel Liber Iudiciorum, una delle cui leggi imponeva anche che una cosa posseduta da un’altra persona non venisse usurpata senza previo processo. La legge gotica, conservata dalla classe dirigente di Septimania e dalla Marca di Spagna dopo l'incorporazione di queste regioni nel regno franco, era l'espressione giuridica di un ordine sociale di tipo feudale di grandi domini con contadini dipendenti, simile a quello esistente in altri territori del regno carolingio.

Tuttavia, le comunità contadine mantennero una grande importanza nei Pirenei orientali, ma alla fine, come le comunità di hispani un centinaio di anni prima, entrarono sotto la dipendenza da grandi domini feudali. Uno dei modi adottati per far sì che la comunità primitiva del villaggio si sottomettesse alla dipendenza feudale di un grande signore o di una istituzione monastica fu quello utilizzato a Sant Joan de les Abadesses nell'anno 913. L'atto fu compiuto per mezzo di questa dichiarazione giudiziaria, fatta il 15 giugno 913, davanti ai comites e marchiones Miró e Sunyer, fratelli della badessa Emma, e tutti figli del conte Wifredo, e anche in presenza di visconti, ecclesiastici, bravi uomini e del boia. I villaggi che divennero dipendenti dal monastero sono numerati con i nomi degli uomini e delle donne che li abitavano. Secondo Barbero e Vigil, è significativo che in alcuni casi il nome della villa o villare coincida con quello del primo abitante (come nel caso di Scluvane, il cui primo abitante è Scluva, e altri). Secondo questi autori, questa disposizione dei nomi e la loro distribuzione per villaggio, senza distinzione tra uomini e donne, suggerisce che si trattava di gruppi affini i cui capi compaiono nel documento. Viene così evidenziata la personalità delle donne in questa area di sopravvivenza matriarcale o matrilineare, come soggetto di diritti, che fa donazioni e trasferisce beni immobili.

La documentazione del monastero di Sant Joan de les Abadesses nell'Archivio della Corona d'Aragona

Questo documento proviene dall'archivio del monastero di Sant Joan de les Abadesses, il cui ingresso nell'ACA è avvenuto relativamente tardi e in circostanze ben note. Le circostanze sono legate alla secolarizzazione delle canoniche agostiniane della Catalogna, compresa quella di Sant Joan, decretata da papa Clemente VIII nel 1592, con l'attribuzione dei loro redditi ai cosiddetti cinque dignitari reali creati nelle cattedrali di Vic, Barcellona e Girona. Ci fu allora una disputa sul possesso dei documenti tra i canonici di Sant Joan e l'arcidiacono o "ardiaca" di Badalona, uno dei cinque dignitari reali, dando luogo ad una lunga causa dinanzi alla Corte Reale di Barcellona, che in una sentenza del 1610 ordinò che i documenti fossero depositati nell'Archivio Reale, come era allora noto l'ACA, in un armadio indipendente, in modo che entrambe le parti potessero avervi accesso.

Le pergamene, i libri e i fascicoli di Sant Joan che entrarono nell'ACA occuparono quindi un armadio che si aggiunse a quelli già esistenti a quel tempo, con il numero 32 e il titolo di Sant Joan de les Abadesses. Secondo un inventario della metà del XVIII secolo, questo armadio conteneva 1.343 documenti. Ma poi, seguendo i criteri allora vigenti, fu smantellato il sistema di armadi e sacchi con un contenuto tematico con cui l'Archivio Reale era stato organizzato fin dal XIV secolo, le carte furono separate dalle pergamene, e queste furono riorganizzate per regni, in rigoroso ordine cronologico, indipendentemente dalla loro origine, operazione che fu portata a termine dall'archivista Prospero de Bofarull nei primi decenni dell'Ottocento. La pergamena con il riconoscimento della Badessa Emma nel 913 fu insignita del simbolo "Real Cancillería, Pergaminos de Miró, núm. 3" (Cancelleria Reale, pergamenta di Miró, n. 3), che è quello che ha ancora oggi.

Nostra edizione

Per l'edizione di questo documento, comprese le note, abbiamo seguito quella pubblicata dall'ex direttore dell'ACA tra il 1961 e il 1982, il Dr. Federico UDINA MARTORELL, El archivo condal de Barcelona en los siglos IX-X. Estudio crítico de sus fondos, Barcelona, 1951, doc. 38, pp. 157-165.

Il frammento tradotto in spagnolo è contrassegnato in grassetto.

ACA, Cancillería, Pergaminos, Mirón, 3

Bibliografia PDF

Trascrizione e traduzione parziale (in spagnolo) PDF

Link a PARES Nueva ventana

Subir

Esta web utiliza cookies propias para facilitar la navegación y cookies de terceros para obtener estadísticas de uso y satisfacción.

Puede obtener más información en el apartado "Cookies" de nuestro aviso legal.

AceptarRechazar