Ud está aquí:
  1. Home
  2. Attività
  3. Documenti per la Storia d'Europa
  4. Testamento di Miguel Mañara (1679)

Testamento di Miguel Mañara (1679)

Testamento di Miguel Mañara (ACA, Collezioni, Riserva, 13)

Miguel Mañara

Miguel Mañara nacque a Siviglia nel 1627, in una famiglia agiata; i genitori erano Tomas de Mañara, commerciante proveniente da Calvi (Corsica) che fece fortuna nelle Indie, e Jerónima Anfriano Vicentelo, sivigliana di discendenza corsa.

Ereditiero del patrimonio familiare dopo la morte dei fratelli maggiori, visse una gioventù dedita ai piaceri della vita, ma a seguito della morte della moglie Jerónima Carrillo, cambiò radicalmente vita. Entrò nella Confraternita della Carità sivigliana, di cui fu Fratello Maggiore fino alla morte, e fondò l'Ospedale della Carità per assistere i numerosi malati e mendicanti della città. Dispose di essere seppellito presso la chiesa della Santa Carità, e in particolare nel portico, sotto una lastra con il conosciuto epitaffio qui giacciono le ossa e le ceneri del peggiore uomo mai esistito al mondo.

Alla sua morte, che suscitò commozione nella città, Siviglia volle dichiararlo venerabile, avvolgendo di un'aura leggendaria i suoi anni giovanili. La leggenda fu di ispirazione per il romanticismo francese, che modificandone il nome in Giovanni, lo associò al personaggio del Tenorio di Tirso de Molina. E alla sua fama di seduttore allude il sivigliano e universale poeta Antonio Machado, nei suoi versi ni un seductor Mañara ni un Bradomín he sido, ya conocéis mi torpe aliño indumentario.

Il testamento

Miguel Mañara redasse il proprio testamento a Siviglia il 17 marzo 1679; dopo averlo scritto di suo pugno e chiuso, lo consegnò allo scrivano Francisco Fernández, che ne diede pubblica lettura alla sua morte il 9 maggio.

Il testamento risponde, nei suoi tratti essenziali, a quelli della sua epoca: invocazione, un'intensa professione di fede e intestazione (io Miguel Mañara, cenere e polvere, peccatore sventurato). Segue il corpo del documento: l'esposizione dei motivi, che include l'imprescindibile espressione del leale giudizio, le clausole dispositive, in cui dispone la propria sepoltura, nomina come ereditiera universale la propria anima e ordina messe, suffragi, offerte e doti ai servitori. Conclude con la designazione di esecutori testamentari e con la revoca dei testamenti precedenti, la data e la firma del testatore.

Percorrendo il testo, è possibile vedere come l'espressione letteraria superi il mero dispositivo: Todo lo que no es Él digo es mentira, y lo tengo por estiércol y basura y quimera de hombres vanos y ridículos…; ¡Ay de mí! ¡Quién se cayera muerto antes de acabar estos renglones y, pues van bañados con mis lágrimas, fueran acompañados con el postrer suspiro de mi vida!; la parola dura agli esecutori se non rispettano il funerale e la sepoltura porque quisieron oir las voces del mundo fantástico y soberbio,... las razones vanas, llenas de fausto y vanidad…en la vana pompa de dar sepultura a un cuerpo podrido; o l'estesa petizione e l'offerta del perdonoa todas las personas a quien hubiere ofendido y escandalizado, che precede la data.

La copia dell'ACA

L'esemplare conservato presso l'Archivio della Corona d'Aragona è una copia semplice dell'epoca, a cui precede il titolo di “Testamento del Venerablie Servo di Dio Miguel de Mañara, Cavaliere dell'abito di Calatrava, Nato a Siviglia e Reedificatore dell'insigne Casa della Carità della stessa città”.

L'esemplare è un bifolio inserito nell'archivio nell'anno 1955 insieme ad altri documenti di provenienza e contenuto eterogenei, acquistato al libraio e bibliofilo José Porter. Avvertito il loro interesse, fu aggiunto alla collezione di documenti curiosi e notabili, con segnatura ACA, Collezioni, Riserva, 13.

Subir

Esta web utiliza cookies propias para facilitar la navegación y cookies de terceros para obtener estadísticas de uso y satisfacción.

Puede obtener más información en el apartado "Cookies" de nuestro aviso legal.

AceptarRechazar