Ud está aquí:
  1. Home
  2. Esposizioni Virtuali
  3. Segni, sigilli e firme delle regine della Corona d'Aragona

Volver

Segni, sigilli e firme delle regine della Corona d'Aragona

Signos, sellos y firmas de reinas en la Corona de Aragón

Conservare i segni di validazione documenti regine e le altre donne della famiglia reale dal Petronila, entrambi i quali sono stati emessi per il suo nome univoco, e quelli che hanno sottoscritto con i loro mariti o figli, re. Non sembra una tradizione aragonese ma catalana, perché le mogli del Ramirez non appaiono nei diplomi, ma le mogli dei conti di Barcellona lo fanno.

Nonostante i pregiudizi sul ruolo pubblico limitato delle regine di Aragona, la realtà è che sia loro che le altre donne della famiglia reale aragonese usavano segni, firme e sigilli propri. Questi sono quelli delle regine tra l'unione dei regni e l'unione dinastica.

Línea horizontal

Bibliografia

Rafael Conde y Delgado de Molina, Signos, sellos y firmas de las reinas de Aragón, in "Acta historica et archaeologica Mediaevalia", 25 (2003), pp. 925-948 (CCBAE);

Marta Coll Serrano, Iconografía de género: los sellos de las reinas de Aragón en la Edad Media (siglos XII-XVI), in "Emblemata", 12 (2006), pp. 15-52 (CCBAE).

Petronila (1136-1173)

Petronila (1136-1173)

Ha usato un segno di croce tratteggiata (durante la vita di suo marito Ramon Berenguer IV) eSalto de línea un altro con una croce inscritta in un cerchio (nel regno di suo figlio Alfonso II).

Sancha di Castiglia (1154-1206)

Sancha di Castiglia (1154-1206)

La prima regina della Corona d'Aragona aveva il suo segno sotto forma di croce con piccole croci agli angoli. E un sigillo singolare per essere l'unico della Corona d'Aragona con la figura seduta sul dritto e l'equestre sul retro.

Eleonora di Castiglia (1208?-1251)

Eleonora di Castiglia (1208?-1251)

Aveva un segno e un sigillo. Il segno, quadrilobato.

Violante d'Ungheria (1214-1251)

Violante d'Ungheria (1214-1251)

Ha usato un segno derivato dal reale, con due diamanti e all'interno una croce quadrilobata.

Costanza di Sicilia (1248-1302)

Costanza di Sicilia (1248-1302)

Non conosciamo il suo segno, ma il suo sigillo: circolare con la figura della regina in piedi sotto una tettoia sul dritto e le armi araldiche sul retro o sul bancone.Salto de línea Conserviamo anche un sigillo minore circolare con le barre di Aragón.

Bianca d'Angiò (1280-1310)

Bianca d'Angiò (1280-1310)

Non aveva alcun segno e usava quello di suo marito, re Giacomo II.

Elisenda di Moncada (1292-1364)

Elisenda di Moncada (1292-1364)

Usava un sigillo araldico quadrilobato con uno scudo puntato con le sbarre d'Aragona e sui lati scottava con le braccia di Montcada.

Eleonora di Castiglia (1309-1358)

Eleonora di Castiglia (1309-1358)

Ha anche usato lo stesso segnale di suo marito, il re Alfonso IV. Ma aveva il suo sigillo di tradizione araldica castigliana: forma quadrilobata, nel lobo interno le braccia di Aragona e Sicilia, castelli e leoni all'esterno.

Eleonora di Sicilia (1325-1375)

Eleonora di Sicilia (1325-1375)

Ha usato un segno araldico con lo scudo delle sbarre nella forma di un rombo orizzontale e con le aquile della Sicilia agli angoli esterni del rombo. Il suo sigillo con la sua immagine sotto il baldacchino con stemmi con le braccia di Aragona e Sicilia sul dritto e un contatore con gli emblemi divisi di Aragona e Sicilia.

Sibilla di Fortià (1350? -1406)

Sibilla di Fortià (1350? -1406)

Conosciamo il suo segno di scudo con i bastoni d'Aragona divisi per le braccia di Fortià.

Iolanda di Bar (1363-1431)

Iolanda di Bar (1363-1431)

Un grande numero di documenti con il segno della regina sono conservati: divide le braccia di Aragona con quelle di Bar e con croci nei vertici dello scudo, come nei segni dei re.Salto de línea Ha anche firmato molti documenti in un modo scritto a mano: a volte come "La Reyna", a volte, quando era già una vedova, come "La Reyna Yolant" o "L Reyna Y", per distinguersi dal regnante.Salto de línea E conosciamo anche i loro sigilli comuni e segreti: la regina sotto il baldacchino gotico con stemmi di Aragona e Bar e queste stesse armi si spaccano sul retro.

Maria de Luna (1356-1406)

Maria de Luna (1356-1406)

Sta cambiando il segno in base ai cambiamenti di stato di suo marito, il infante Martino. Come Infanta, Contessa di Jérica e Luna e Signora di Segorbe usano uno scudo con le braccia di suo marito (Aragon) divisi dalle loro stesse armi. Come Duchessa di Montblanc parte le nuove armi di Martino (Aragona e Sicilia) con le sue. Come egina parte Aragona con Luna.Salto de línea Inoltre, María è la prima donna della casa reale aragonese a firmare con la mano abbondanti documenti: come infanta, "Maria"; come duchessa, "La duchessa"; e come regina, "La Reyna".Salto de línea E a questo aggiungiamo i sigilli che teniamo da lei come regina, con un bancone con le braccia circondato da un angelo e due fagiani con la testa di una donna.

Maria di Castiglia (1401-1458)

Maria di Castiglia (1401-1458)

Ha usato un segno, un sigillo e firmato, nel modo castigliano, "Yo la reina".Salto de línea Inoltre, per molti anni era il tenente della Catalogna del suo assente marito, il re Alfonso V. Usava tre sigilli: il comune, il segreto e quello del tenente.Salto de línea Il suo segno è uguale a quello del re nella sua attività come Tenente.

Giovanna Enríquez (1425-1468)

Giovanna Enríquez (1425-1468)

Manteniamo un sigillo del 1462.Salto de línea Il suo segno ha la stessa forma di quello del re ma con le perpendicolari prolungate.

Germana de Foix (1488? -1536)

Germana de Foix (1488? -1536)

Teniamo un timbro e la sua firma. Il sigillo ha uno scudo coronato con le braccia di Castiglia, León, Granada, Aragona, Sicilia, Gerusalemme, Foix, Bearn, Navarra, Evreux e Bigorre.

Subir

Esta web utiliza cookies propias para facilitar la navegación y cookies de terceros para obtener estadísticas de uso y satisfacción.

Puede obtener más información en el apartado "Cookies" de nuestro aviso legal.

AceptarRechazar